Riforma Pacchetto Bancario: l’Unione Europea approva un pacchetto di intese volto a ridurre i costi dei prestiti

bank-banking-banknote-262558_800x596

I paesi dell’Unione europea (UE) hanno approvato le nuove misure volte a ridurre i rischi del settore bancario, con il quale si intende rafforzare la vigilanza e la regolamentazione delle entità.

In particolare, gli ambasciatori degli Stati membri hanno approvato un accordo raggiunto tra il Parlamento europeo e la presidenza rumena del Consiglio dell’UE, che rappresenta i paesi, sulle norme per ridurre i rischi nel settore bancario del club comunitario.

Le misure di mitigazione del rischio concordate garantiranno che il settore bancario mantenga un capitale sufficiente per prestare in sicurezza ai consumatori e alle imprese nella loro attività di concessione di prestiti alle aziende e di prestiti personali come, ad esempio, i prestiti con la cessione del quinto. Allo stesso tempo, i contribuenti sono protetti dalle eventuali difficoltà che le banche potrebbero incontrare.

L’accordo raggiunto include due regolamenti e due direttive sui requisiti patrimoniali e la risoluzione delle entità in difficoltà.

Il pacchetto di riduzione del rischio cerca di attuare le riforme concordate a livello internazionale dopo la crisi finanziaria del 2007.

Pertanto, nel settore della risoluzione bancaria, richiede che le banche con importanza sistemica globale abbiano una maggiore capacità di assorbire le perdite e la ricapitalizzazione stabilendo requisiti sulla qualità e quantità dei fondi propri e delle passività ammissibili, con obiettivo che servono per pagare un “salvataggio interno” delle entità in caso di fallimento e quindi evitare un salvataggio con fondi pubblici.

Rafforza inoltre i requisiti patrimoniali per ridurre gli incentivi delle banche a correre rischi eccessivi, includendo un coefficiente di leva obbligatori, per impedire alle banche di prestare credito in eccesso quando non hanno un capitale sufficiente.

Stabilisce inoltre un coefficiente di finanziamento stabile netto, che obbligherà le entità a disporre di risorse sufficienti da fonti stabili per soddisfare le loro esigenze per l’anno successivo.

Inoltre, stabilisce regole “sensibili al rischio” per la negoziazione di titoli e derivati.

Allo stesso modo, il pacchetto contiene misure per migliorare l’affidabilità creditizia delle banche e per facilitare le banche che hanno un ruolo maggiore nei mercati dei capitali.

In particolare, gli oneri amministrativi per le banche più piccole sono ridotti , in particolare in relazione ai requisiti di notifica e informativa.

Allo stesso modo, la capacità delle banche di prestare alle PMI e finanziare progetti infrastrutturali è rafforzata.

L’accordo raggiunto contempla anche il modo di cooperare e condividere le informazioni tra le diverse autorità coinvolte nella vigilanza e nella risoluzione dei gruppi bancari transfrontalieri.

Le misure mantengono anche l’equilibrio raggiunto nella posizione del Consiglio UE tra i poteri delle autorità di vigilanza nazionali e del paese ospitante per facilitare i flussi transfrontalieri di capitali e di liquidità, garantendo nel contempo una protezione adeguata per i depositanti, creditori e stabilità finanziaria in tutti gli Stati membri.

L’accordo introduce modifiche per migliorare la cooperazione tra autorità competenti in materia di controllo delle attività contro il riciclaggio di denaro.

Il primo accordo sui principali elementi del pacchetto bancario è stato confermato dal Consiglio il 4 dicembre e ora gli ambasciatori hanno sostenuto l’accordo su tutte le misure di riduzione del rischio.

Il testo sarà ora sottoposto a revisione linguistica giuridica e sia il Parlamento europeo che il Consiglio dovranno adottarlo dopo la prima lettura. paesi dell’Unione europea (UE) hanno approvato le nuove misure volte a ridurre i rischi del settore bancario, con il quale si intende rafforzare la vigilanza e la regolamentazione delle entità.

In particolare, gli ambasciatori degli Stati membri hanno approvato un accordo raggiunto tra il Parlamento europeo e la presidenza rumena del Consiglio dell’UE, che rappresenta i paesi, sulle norme per ridurre i rischi nel settore bancario del club comunitario.

Le misure mirano a rafforzare i requisiti sugli interessi che le banche devono costituire per assumere perdite in caso di risoluzione e che i contribuenti non devono pagare i riscatti, come accaduto durante la crisi finanziaria e completare le regole adottate alla recessione.

Nello specifico, le regole introducono lo standard per l’Assorbimento Totale della Capacità di Assorbimento (TLAC) nel quadro della risoluzione bancaria comunitaria, che obbligherà le 30 entità al rischio sistemico, quelle “troppo grandi per cadere”, emettere un minimo di passività subordinate e altri strumenti di capitale in grado di assorbire le perdite in caso di risoluzione.

Tale requisito sarà integrato con le norme europee che già richiedono un minimo di fondi propri e passività ammissibili (MREL in inglese) a tutte le banche e il cui obiettivo è lo stesso: disporre di fondi sufficienti “facilmente riscattabili” per consentire alle autorità di svolgere una risoluzione ordinata ed evitare l’utilizzo di fondi pubblici.

D’altra parte, l’accordo prevede l’introduzione di un coefficiente di leva obbligatorio pari al 3% del capitale di qualità più elevato (Tier 1) dell’entità, per evitare che le banche si impegnino in eccesso quando non hanno capitale sufficiente, come è stato dimostrato durante la crisi.

Stabilisce inoltre un rapporto di finanziamento stabile netto (NSFR) pari al 100%, che costringerà le entità a disporre di finanziamenti sufficienti da fonti stabili per soddisfare il loro fabbisogno di finanziamento per l’intero anno successivo.

L’adozione di questo pacchetto è considerata la chiave per il progresso nell’unione bancaria e, in generale, nella riforma della zona euro, poiché dovrebbe attenuare la riluttanza di diversi paesi, guidati dalla Germania, che rifiutano di approvare misure che comportano congiuntamente i problemi di qualsiasi banca europea fino a quando alcuni paesi non cureranno più le loro entità.

I ministri non hanno approvato l’IVA ridotta per le pubblicazioni elettroniche a causa dell’opposizione della Repubblica ceca né le norme per investire il contribuente a causa del rifiuto di Francia, Cipro e Slovenia.

Goranov si è lamentato che in entrambe le iniziative fiscali, in cui è necessaria l’unanimità degli stati membri, alcuni paesi cercano di prevalere sugli altri e affermano di non credere che questo sia “il modo di agire”. La Commissione europea accoglie con favore l’accordo politico che attribuisce priorità a talune parti del pacchetto di riforme del settore bancario del 2016 nell’UE, che rafforzerà la resilienza del settore bancario dell’UE, mitigando al contempo gli effetti negativi.

Il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione hanno concordato gli elementi della revisione della direttiva sulla ristrutturazione e risoluzione delle banche (DRRB), del regolamento sui requisiti patrimoniali (CRR) e della direttiva sui requisiti patrimoniali (CRD).

Portata degli accordi adottati

L’accordo sulla direttiva DRRB crea una nuova categoria di debito non garantito nella classificazione dell’insolvenza per i creditori bancari e stabilisce un approccio armonizzato dell’UE alla priorità degli obbligazionisti bancari in caso di insolvenza e risoluzione. L’accordo sul pacchetto RRC / DRC applica i nuovi International Financial Reporting Standards (IFRS 9). Ciò contribuirà a mitigare l’impatto dell’IFRS 9 sulla capacità di capitale e di prestito delle banche dell’UE ed eviterà anche potenziali perturbazioni nei mercati del debito pubblico che deriverebbero da normative che limitano le grandi esposizioni a una singola. controparte.

L’accordo su norme armonizzate sulla priorità degli obbligazionisti delle banche in fallimento e la risoluzione facilita in modo più efficace soddisfare le rive dello standard TLAC, da applicare dal 2019, come concordato nel Forum per la stabilità finanziaria. Inoltre, offrendo una maggiore certezza del diritto sia agli emittenti che agli investitori e riducendo il rischio di azioni legali, queste norme armonizzate faciliteranno l’applicazione dello strumento di ricapitalizzazione interno nella risoluzione.

I nuovi principi contabili IFRS 9 intendono rispondere alle preoccupazioni emerse durante la crisi finanziaria migliorando l’accantonamento per perdite di strumenti finanziari. Dette normative possono comportare un aumento significativo delle riserve per perdite su crediti che le banche devono effettuare. L’accordo raggiunto oggi in un periodo di transizione di cinque anni consentirà alle banche di includere in maniera organizzativa parte dell’aumento degli accantonamenti per perdite su crediti nel loro capitale. Ciò limiterà i possibili effetti negativi sui prestiti bancari. L’accordo attualmente emesso introduce anche una nuova disposizione transitoria sulla limitazione delle grandi esposizioni negli standard prudenziali: Banche con grandi partecipazioni in obbligazioni sovrane non denominate nella valuta nazionale.

Ti potrebbe interessare anche: