Perché tante donne europee si spostano all’estero per il trattamento della fertilità?

diagnosi preimpianto

Migliori tassi di successo, trattamenti pionieristici e tecniche meno costose, così le cliniche di fertilità straniere stanno facendo piazza pulita

Due cerchi appaiono su uno schermo del computer, un medico si siede con la testa arricciata su un microscopio. Accanto a lui una donna si affaccia da un letto operatorio, con i piedi nelle staffe. Una grossa lacrima scende dal suo viso. Questi due punti sono embrioni di cinque giorni, indica il medico.

Siamo in una delle tante cliniche della fertilità, e stiamo guardando come gli embrioni vengono portati fuori da un incubatore, controllati sotto il microscopio, risucchiati in un catetere e poi posizionati nell’utero della donna. Prima del trasferimento è stata effettuata una diagnosi reimpianto per scongiurare eventuali malattie genetiche.

Dopo essersi iniettata giornalmente ormoni per preparare il suo corpo per una gravidanza, e aver speso quasi  5.000 sterline (nel Regno Unito avrebbe spesi circa 7500 sterline), compreso il viaggio e l’alloggio, la donna sul letto operatorio può solo aspettare. Nei prossimi 10 giorni si saprà se gli embrioni potranno o non potranno essere impiantati e diventare una gravidanza.

Il trattamento della fertilità è un’attività altamente remunerativa e profittevole. Ci sono gruppi di cliniche della fertilità che hanno sedi in tutta Europa, perfino in America Latina, con fatturati che superano i 140 MLN di Euro l’anno.

Le cliniche si presentano spesso con superfici lucide, un design minimalista e personale piuttosto carino. Alla reception si possono osservare due tipi di persone: le coppie ben vestite, evidentemente lì per il trattamento, e le donne solitarie in jeans scarni, parkas e stivali di pelle usurati, evidentemente lì per donare le loro uova. Sembra quasi la reception di un hotel di lusso. Solo la presenza di una persona che passa occasionalmente in camice indica che ci si trovi in realtà in un ospedale.

Parliamo di numeri

Circa 300 pazienti del Regno Unito vengono trattati annualmente nelle cliniche spagnole di un famoso centro, con un incremento del 60% nell’ultimo decennio. Perché?

Per Samantha (nome di fantasia) è semplice. Data la sua età, ha meno del 2% di possibilità di avere un bambino utilizzando le proprie uova. Con l’ovodonazione le sue probabilità sono circa un quarto, ma poiché c’è una carenza di donatori nel Regno Unito, ha affrontato un’attesa di sei mesi.

Samantha ha chiesto anche che la donatrice fosse anonima. Questo è il motivo fondamentale per cui molte coppie britanniche viaggiano per il trattamento verso la Spagna. Il 1 ° aprile saranno passati  10 anni da quando è stata approvata una legge britannica che consente ai bambini di scoprire l’identità dei loro spermatozoi e donatori di uova una volta compiuti 18 anni e, da allora, il numero di donatori e donatrici è diminuito drasticamente. In Spagna i donatori possono rimanere anonimi e, di conseguenza, non c’è carenza.

L’esempio è stato evidenziato nel Regno Unito, ma lo stesso generi di problemi è presente sia in Italia che in altri paesi della comunità europea.

Sono queste le cause principali del turismo riproduttivo verso la Spagna. I costi notevolmente più bassi, leggi che tutelano sia i pazienti che i donatori e tassi di successo notevolmente più alti, grazie al circolo vizioso per cui il denaro permette sperimentazioni, strumentazioni qualitativamente migliori e statistiche più probanti e significative.

Ti potrebbe interessare anche: