Marchio internazionale, quanto costa la registrazione ?

registrazione marchio

Il marchio deve essere depositato negli uffici governativi preposti da una persona fisica o una giuridica o da soggetti terzi per conto di associazioni, agenzie di pubblicità.

In Italia la registrazione del marchio si deposita presso la Direzione Generale Lotta alla contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi UIBM http://www.uibm.gov.it .

Il marchio può essere registrato anche a livello europeo e internazionale.

Ecco il sito dell’ente europeo EUIPO – Ufficio di Proprietà Intellettuale dell’Unione Europea (Marchi Europei) https://euipo.europa.eu  e quello dell’ente internazionale OMPI – Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale (Marchi Internazionali) oppure WIPO – World Intellectual Property Organization http://www.wipo.int/portal/en/index.html

L’agenzia WIPO nacque nel 1967. Grazie alle Nazioni Unite che crearono questa organizzazione con l’intento di proteggere e diffondere la tutela intellettuale e spronare la creatività a livello mondiale.

Per ottenere un marchio internazionale è importante registrarlo inizialmente nel paese di origine poiché è li che si ha la prima tutela dei diritti del proprio marchio. Sopratutto, quando il marchio che si sta depositando ha un’importanza tale da determinare la riuscita del prodotto a livello mondiale, è raccomandata la registrazione sia europea che internazionale poiché godrà dei diritti di tutela europei e internazionali.

Come registrare un marchio internazionale?

Mettiamo caso che un possessore di un marchio italiano decida di ampliare il proprio mercato a livello internazionale. Gli converrà preparare tutta la documentazione per registrare un marchio internazionale.

Avendo già depositato il marchio presso l’UIBM partirà avvantaggiato.

Infatti, grazie all’Accordo di Madrid e ai paesi che cooperano con l’ufficio interazionale, detentore del registro marchi internazionali,  e gli Uffici di Origine (ovvero tutti gli Uffici Nazionali dei Paesi Contraenti all’accordo dell’unione di Madrid), la registrazione di un marchio internazionale può essere effettuata presso l’Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale (Marchi Internazionali) oppure WIPO – World Intellectual Property Organization, con un una sola domanda valida in 97 paesi.

Il vantaggio di dover fare una sola richiesta internazionale è dato dal fatto che la lingua, il pagamento, le scadenze, il rinnovo della registrazione e possibili annotazioni e trascrizioni avvengono attraverso un’unica procedura uguale per tutti. Il modulo, in lingua inglese o francese, per la domanda da presentare per registrare un marchio internazionale si trova su http://www.wipo.int/madrid/en/forms/ che deve essere consegnato alla Camera di Commercio prima che alla WIPO.

Quanto costa registrare un marchio internazionale?

La registrazione non è esente da costi. Essi variano da fissi a Paese in cui il marchio è stato registrato inizialmente. L’UIBM comunica che esistono dei costi fissi per la registrazione marchi internazionali suddivisi in questo modo.

Tassa fissa:

  • riproduzione del marchio non è a colori CHF (franchi svizzeri) 653
  • riproduzione del marchio è a colori CHF (franchi svizzeri) 903
  • ogni classe in più oltre la terza CHF (franchi svizzeri) 100

Qualora la domanda registrazione internazionale marchio avvenga con un marchio già depositato in Italia la tassa da pagare UIBM sarà di: € 255,86

Se il marchio è registrato nell’Unione Europea il costo della tassa EUIPO sarà di:  € 300,00

Per ogni informazione necessaria a come registrare un marchio internazionale basterà visitare il sito http://www.wipo.int/trademarks/en/

Ti potrebbe interessare anche: